Un Bilancio lacrime e sangue di un governo che spera solo nella benevolenza di Roma per tirare a campare – La Sicilia