Le nostre richieste economiche alla regione in tempo di #coronavirus – La Sicilia