La nostra interrogazione sul teatro Vittoria Colonna – La Sicilia