La nostra interrogazione sul porticciolo di Donnalucata – La Sicilia