La nostra interrogazione sul museo delle cave d’asfalto – La Sicilia