La nostra accorata lettera al prefetto e al commissario della ex provincia di Ragusa sulla pericolosità delle strade iblee – Il giornale di Sicilia