La lettera del nostro simpatizzante, che ringrazio perché non dobbiamo dimenticare che il nostro movimento parte dal basso – La Sicilia