Il nostro intervento sui disabili, abbandonati al tempo del Coronavirus – La Sicilia