Editoriale. Un uomo solo senza comando – La Sicilia