Editoriale. La stella tra le stelle e il cavallo perdente – La Sicilia