Editoriale. Va bene il dialogo ma chi sono i leader?- La Sicilia