Editoriale. Il Sindaco, la grillina e il dialogo tra sordi- La Sicilia