Editoriale. Correnti alternate ma chi guida non si sa – La Sicilia