Editoriale. Coltivatori di nuovi interessi – La Sicilia