Continuiamo ad occuparci della foce del Dirillo e dell’area dei Macconi, che non ha ricevuto alcun aiuto dalla Regione – La Sicilia