Chiarezza sul presunto giallo delle riunioni ragusane – La Sicilia